* ARNAUD DESJARDINS *

(1925 – 2011)

* * *

ARNAUD DESJARDINS BIOGRAFIA

Arnaud Desjardins (18 giugno 1925, Parigi – 10 agosto 2011, Grenoble) è un autore che ha sviluppato e insegnato una spiritualità laica offrendo una sintesi delle religioni tradizionali e delle scoperte della psicologia moderna. È anche conosciuto per i suoi scritti sulle tradizioni spirituali orientali come l’induismo, il buddismo tibetano, lo zen e il sufismo in Afghanistan. In qualità di direttore presso l’ORTF dal 1925 al 1974, è l’autore di materiali televisivi, precursori in Francia, che riguardano le tradizioni spirituali. Discepolo di Swami Prajnanpad e dell’adhyatma yoga da lui creata, ha trasmesso questa educazione spirituale in Francia dall’inizio degli anni ’70.

Spiritualità

Arnaud Desjardins ha sviluppato, trasmesso nei suoi libri e insegnato nella sua casa una sintesi di varie spiritualità e religioni, che incorpora elementi di psicoanalisi, mantenedo il perno principale nell’Induismo. Questa spiritualità, incentrata sulla non-dualità, propone all’uomo l’obiettivo di liberarsi dell’ego e raggiungere la “liberazione” che causa uno stato di pace con la rimozione di tutte le sofferenze.

Biografia

Famiglia

Figlio di Jacques Guerin Desjardins (della Normandia) e Antoinette Negro (originaria di Nimes), protestanti impegnati, è il maggiore di tre figli. Suo padre, era tenente a Verdun, dove ricevette la Croce di Guerra con citazione della Legion d’Onore per atti di eroismo. Durante la seconda guerra mondiale, fu capitano e ricevette di nuovo la Croce di Guerra per l’aiuto dato agli ebrei in fuga dalle deportazioni. Fu molto impegnato anche nello sviluppo del movimento scout, essendo in diretto rapporto con Robert Baden-Powell.

Il nonno materno, Albert Negro, era un ingegnere presso l’Ecole Centrale, e gli raccontava dei suoi viaggi in Oriente, illustrati con album fotografici, alla fine del XIX°. Una sua zia, discepola di San Francesco d’Assisi, ricevette il primo swami accolto in Francia per iniziativa di Jean Herbert : Swami Siddheswarananda. Sposato con Denise Desjardins, è padre di due figli, Muriel ed Emmanuel.

Studi e carriera professionale

Arnaud Desjardins ha studiato prima alla scuola alsaziana di Parigi e poi filosofia al Liceo Henri IV. Dopo il diploma di maturità, entrò nella facoltà di giurisprudenza e per un certo periodo alla National School of France. Laureato in Scienze Politiche, inizia a lavorare in una banca, ma si ferma dopo un anno e il direttore, Jean de Marguenat, gli offre di provare un esperimento con lui, così nel 1947 svolge il suo secondo lavoro presso il Centro nazionale per l’informazione economica. Nel luglio del 1948 fu assunto come aiuto regista di Jean Géhret e Jean-Loup Lévy-Alvarez gli insegnò il montaggio.

Sempre nel 1948, il fratello del suo amico Olivier Cambessedes, lo introdusse nei gruppi  di Gurdjieff. Arnaud Desjardins iniziò così, sotto la guida di Bernard Lemaître, a partecipare agli incontri nel marzo del 1949. Nello stesso anno si fidanza con una ragazza di Mazamet, ma a luglio Arnaud Desjardins contrae la tubercolosi e il fidanzamento fu rotto per iniziativa del padre della ragazza. I pastori delle due famiglie non intervennero per impedirlo e in questo Arnaud Desjardins vide l’immoralità nella moralità protestante, staccandosi così da questa corrente.

Costretto a letto in sanatorio a Saint-Hilaire du Touvet, in Isère, Arnaud Desjardins inizia a leggere i libri di René Guénon, Ramakrishna, Vivekananda, Romain Rolland, Jean Herbert. Alla fine del 1949 Bernard Lemaître gli offre « Frammenti di un Insegnamento Sconosciuto » di Piotr Ouspensky, relativo all’insegnamento di Gurdjieff. In seguito, all’interno dei gruppi di Gurdjieff, Arnaud Desjardins si lega al Denise Marchina (futura Denise Desjardins), pittrice ebrea nata in Algeria e decoratrice, che sposerà il 25 ottobre 1956. I coniugi Desjardins saranno sempre presenti nei gruppi Gurdjieff fino al 1965, data del loro incontro con Swami Prajnanpad.

Nel 1951, Arnaud Desjardins entrò a far parte di una compagnia di import-export negli Champs-Élysées, diventando poi editor tirocinante presso la Pathé Cinema. Diventa l’assistente di Stellio Lorenzi e poi di Marcel Bluwall e Claude Loursais. Nel 1958 gli fu consigliato di andare all’abbazia di Bellefontaine, sotto l’autorità di padre Dom Emmanuel Courtant e vi si recò all’inizio dell’agosto del 1958 per tre settimane. Tornando alla vita sociale, si propose per fare delle trasmissioni della domenica cristiana guidate dai domenicani ma, a causa di disaccordi non sarà possibile

Partenza per l’India

Arnaud Desjardins pratica l’Hatha Yoga per diversi anni e vuole assimilare le migliori fonti indiane per diventare un insegnante e fare un film sulla spiritualità in India. Lui e Bertrand, il fratello minore partono per l’India nel luglio 1959 con una station wagon Peugeot e vanno a trovare Ella Maillart nel suo chalet in Svizzera che gli consiglia principalmenti di andare a far visita ad Anandamayi Ma. Attraversano così Italia, Jugoslavia, Grecia, Turchia, Armenia, Iran, Afghanistan e Pakistan prima di arrivare in India, a quel punto Arnaud Desjardins continua da solo perchè la vacanza di suo fratello è finita. Incontra per la prima volta un altro francese, Daniel Roumanoff, che gli darà l’indirizzo di Swami Prajnanpad, da andare a trovare una volta tornato in Francia. Visita poi l’ashram di Sivananda a Rishikesh e va anche al Lonavla Yoga Institute di Bombay, dove si riunisce alla moglie Denise.

Anandamayi Ma

Arnaud e Denise Desjardins incontreranno quindi Anandamayi Ma a Varanasi e un fedele nel suo ashram gli permette di incontrare uno yogi, con il quale Arnaud disse di aver sentito una frase molto significativa per lui: “Ciò di cui hai bisogno è una struttura interiore”. Nel film «Ashram», Arnaud Desjardins dice di lui: “È l’essere più straordinario che abbia mai incontrato”. Il film «The Secret Heart of India», pronto nel febbraio 1960, inizialmente servì come supporto per le conferenze ad Arnaud Desjardins, che fu poi assunto dal direttore di Knowledge of the World. Alla prima del film ci furono 2.600 e fu accettato dalla televisione per la trasmissione nell’autunno del 1960, con una recensione di Francois Mauriac.

Viaggio in Afghanistan

Nel 1960, Arnaud Desjardins, allora quasi sconosciuto agli occidentali, andò in Afghanistan, per girare un primo film, l’ «Afghanistan» che sedusse il pubblico durante la sua trasmissione nel 1961. Nello stesso anno, tornò in India con sua moglie nonostante i viaggi siano difficili, così come le condizioni di soggiorno, incontrano di nuovo Anandamayi Ma e poi Swami Ramdas – affettuosamente chiamato “papà” – e passano anche a Tiruvannamalai, il luogo dove visse Ramana Maharshi. Nel 1962, Arnaud Desjardins, sua moglie e la loro figlia Muriel partirono di nuovo per un viaggio di undici mesi su un minibus Volkswagen. Rimangono in Afghanistan e poi in India, con Swami Ramdas, Shivananda e Anandamayi Ma. Il film di «Beat the Heart of India» e «The Kabul Road», un documentario di finzione, furono editati e trasmessi alla fine del 1963 con lo stesso successo dei precedenti. Appare il secondo libro: Induismo e Noi: Yoga e spiritualità.

Il 14 ° Dalai Lama e il buddismo tibetano

Arnaud Desjardins incontra Tenzin Gyatso, il 14° Dalai Lama, in Mussoorie, durante l’inaugurazione della scuola per rifugiati tibetani. In quell’occasione gli esprime il desiderio di fare un film sul buddhismo tibetano con insegnanti rifugiati nel nord dell’India, dopo l’invasione del Tibet da parte dei cinesi nel 1950 e l’esilio del Dalai Lama nel 1959. Sonam Togpyal Kazi è l’interprete. Dopo due minuti di riflessione, il Dalai Lama gli diede il permesso.

Nel 1964, Arnaud Desjardins ottenne un contratto vantaggioso nel nuovo ORTF e questo, oltre alla sicurezza finanziaria, gli consente di partire con l’attrezzatura appropriata, così nel 1964-1965 fu organizzata una spedizione per due film sul buddismo tibetano nel nord dell’India e in Afghanistan. Arnaud Desjardins incontra per sette mesi grandi Rinpoche tibetani nati e formati in Tibet : Kalu Rinpoche, Abo Rinpoche, Sonam Zangpo Rinpoche, il 16 ° Karmapa (Rangjung Rigpe Dorje), Chatral Rinpoche, Kyabje Dudjom Rinpoche e Kangyur Rinpoche, con il quale Arnaud dise di aver vissuto un’intensa esperienza spirituale.

Alla fine delle riprese andò a Dharamsala per chiedere al Dalai Lama se non avesse nulla da aggiungere. Quest’ultimo gli disse: “Qualunque rispetto tu abbia per i rinpoches che hai incontrato, non dire mai cose brutte riguardo ai cinesi. Il fuoco dell’odio si estingue solo con l’amore, e se il fuoco dell’odio non si spegne, è perché l’amore non è abbastanza forte”.  Tornato a Parigi, vanno in onda «Il messaggio dei tibetani» – «Buddhismo» e «Tantrismo», trasmessi nel 1966 e una seconda fiction che si svolge in Afghanistan : «Djomma del Nuristan». Il libro «The Message of the Tibetans» appare lo stesso anno.

Incontro di Swami Prajnanpad

Nel 1965, Arnaud Desjardins pensa di aver bisogno di un percorso spirituale “nel mondo” e di un maestro che parli inglese (senza, quindi, attraverso un traduttore) e va a Channa, vicino a Ranchi, con la benedizione di Anandamayi Ma per incontrare Swami Prajnanpad. La prima intervista di Arnaud Desjardins con Swami Prajnanpad, chiamato familiarmente nella cerchia dei suoi discepoli, “Swamiji”, lo segna profondamente. Questi gli insegna il percorso di Adhyatma Yoga, che è un adattamento dell’Advaita Vedanta.

Nuova spedizione nel 1967

Nel 1967, una nuova spedizione è in preparazione per un altro film sui tibetani, ma il Dalai Lama ritira la sua autorizzazione, dopo aver espresso la sua insoddisfazione in seguito alle osservazioni di Arnaud Desjardins che inducono dissensi tra scuole di buddismo tibetano, cagionate dalla traduzione inglese del suo ultimo libro. Arnaud Desjardins interrompe tutto ma chiede al Dalai Lama che in pubblico si spieghi. La famiglia Desjardins si prepara a partire recuperando la Land Rover lasciata a Kabul dopo il primo viaggio, ma il Dalai Lama riceve Arnaud Desjardins a Dharamsala per esaminare con lui la traduzione inglese del libro, dopo di che rinnova la sua autorizzazione alle riprese. Più tardi, passando per Parigi, il Dalai Lama gli legherà una sciarpa al collo “come segno di un’amicizia inesauribile”.

Il nuovo viaggio include Sikkim, Bhutan e una visita al Karmapa. A giugno, Arnaud Desjardins è con Swami Prajnanpad, ma è molto difficile sostenere il lavoro che richiede e Swami Prajnanpad gli dice che solo se può passare tre mesi in solitudine può fare qualcosa per lui. Arnaud Desjardins declina e parte per l’Afghanistan per incontrare grandi maestri sufi, tra cui Khalifa Saheb, Sheikh Samar-Oud-Din e Sufi Saheb Maïmana. Quest’ultimo gli ordina di tornare da Swami Prajnanpad, cosa che lui fa, per un aggiornamento subconscio di tre mesi e mezzo.

Alexandra David-Néel

Arnaud Desjardins ha registrato un’intervista televisiva con Alexandra David-Néel, l’unica che abbia mai concesso. Nel 1963, il 14 ° Dalai Lama sentito che Desjardins era francese, gli aveva chiesto se avesse letto le opere di Alexandra David-Néel e lui l’aveva incontrata organizzando un programma per il secondo canale di ORTF «The Sunday Guest».

Buddismo Zen

Taisen Deshimaru, maestro Zen responsabile della promozione del suo sviluppo in Europa, contatta Arnaud Desjardins dopo aver visto i suoi film sul buddismo tibetano, proponendogli la stessa cosa per il buddismo in Giappone. Nel 1970 e all’inizio del 1971, Arnaud Desjardins gira due film su questa tradizione: lo «Zen qui e ora» e lo «Zen ovunque e sempre» , trasmessi su Antenne 2 lo stesso anno. Taisen Deshimaru dichiaro che Arnaud Desjardins è il suo unico amico.

Discepolo di Swami Prajnanpad

Nel 1971, Arnaud Desjardins disse che stava vivendo un ultimo “collasso liberatorio” quando Swami Prajnanpad gli disse, in risposta a una delle sue domande: «Sì, Arnaud: essere è essere liberi dall’avere». Nel 1972, Swami Prajnanpad che gli aveva detto che non lo avrebbe lasciato “finché non si sarebbe alzato in piedi”, incoraggia Arnaud Desjardins a impegnarsi nella trasmissione: “Arnaud, devi parlare a due milioni di persone in televisione, o duemila in una sala conferenze, o due in casa tua, ma la tua vera natura è testimoniare e dare”. Nel 1974, Arnaud Desjardins rifiuta la posizione di leadership che gli viene offerta in televisione, mentre i suoi ultimi film sono trasmessi: “Sufi dell’Afghanistan, 1” – “Maestro e discepolo, 2” – “Al centro delle confraternite”.

The Bost

Arnaud Desjardins, sua moglie Denise e diversi volontari aprirono un modesto e isolato centro vicino a Saint-Gerrvais-d’Auvergne, dove mantengono il nome del luogo chiamato Le Bost. Il posto ha solo sei stanze e Arnaud deve quindi scoraggiare le richieste di soggiorno, il cui principio di finanziamento è la gratuità. Le Bost riceve la visita di Dilgo Khyentse Rinpoche e Matthieu Ricard l’8 gennaio 1976 e il 16 ° Karmapa Rangjung Rigpe Dorje nel novembre 1977. Nel 1983, dopo che la salute di Arnaud peggiora a causa dell’iperattività legata all’animazione e alla gestione del centro, il Bost viene chiuso. Rilevato nell’ottobre 1983, è diventato il centro buddista Dhagpo Kundreul Ling.

Fare Isière

Nel 1985, l’associazione di Arnaud Desjardins si trasferì a Font d’Isière, vicino a Uzès nel Gard. Sedici visitatori possono essere ospitati contemporaneamente. Il sistema di soggiorni sostituisce quello di residenti e ospiti. Nello stesso hanno termina l’unione con Denise Desjardins e nel 1986 diviene sua compagna Véronique Loiseleur, con la quale si sposerà nel 1996. Questa nuova sede è visitato da Sheikh Khaled Bentounès, Jacques Castermane, Lee Lozowich e da grandi Lama tibetani. Nel 199 vi saràa mche ospitata Mata Amritanandamay (Amma).

Hauteville

Nel 1995, a causa della crescente domanda, l’associazione si trasferisce su una superficie di 170 ettari in Hauteville, a Saint-Laurent-du-Pape, nell’Ardèche, dove risiede ancora oggi.  Arnaud Desjardins diminuisce gradualmente il suo coinvolgimento nelle attività quotidiane, integrato da collaboratori, ma continua, oltre alle meditazioni guidate e ad alcune interviste giornalistiche, radiofoniche e televisive, nell’organizzazione di incontri di scambio tra le varie tradizioni spirituali, anche con interviste in Quebec e in Messico, e poi continua a pubblicare libri sugli approcci spirituali che insegna. Arnaud Desjardins muore a Grenoble il 10 ago 2011.

Filmografia

Oltre a quello girato in Afghanista, sono stati montati tre film: Himalaya Land of Serenity. 1 – Nel regno del Bhutan , 2 – Lago degli Yogi , 3 – Figli della saggezza, che hanno avuto un enorme impatto sul pubblico.

Induismo

– Ashrams , 1959

Buddismo tibetano

– Il messaggio dei tibetani: buddismo (prima parte) , 1966
– Il messaggio dei tibetani: tantrismo (seconda parte) , 1966
– Himalaya, Land of Serenity: Lake Yogi (prima parte) , 1968
– Himalaya, Land of Serenity: The Children of Wisdom (seconda parte) , 1968

Buddismo Zen

– Zen: Here and Now (prima parte) , 1971
– Zen: Everywhere and Always (seconda parte) , 1971

Sufismo

– Sufi dall’Afghanistan: Master and Disciple (prima parte) , 1974
– Sufi dall’Afghanistan: Nel cuore delle fratellanze (seconda parte) , 1974

Bibliografia

Nel 1968, 1970, 1972, Arnaud Desjardins pubblicò la trilogia (in seguito pubblicata in un volume) «I sentieri della saggezza» in cui parla dell’insegnamento di Swami Prajnanpad.

– Ashram, Gran Maestri dell’India , Parigi, La Palatine, 1962; Albin Michel, 1982 ; Canna, 2002
– Yoga e spiritualità, induismo e noi , Parigi, La Palatine, 1964
– Il messaggio dei tibetani , Parigi, The Round Table, 1966
– The Ways of Wisdom (volumi I, II, III) , Paris, The Round Table, 1968, 1970 e 1972
– Otto interviste con Arnaud Desjardins (intervista a Pierre Gisling per la televisione di lingua svizzera) , Losanna, Éditions de La Tour Lausanne, 1971
– Modern World and Ancient Wisdom , Paris, The Round Table, 1973
– Adhyatma Yoga, Alla ricerca del Sé I , Parigi, The Round Table, 1977
– Il Vedanta e l’Inconscio, In cerca di sé III , Parigi, Tavola rotonda, 1979
– Oltre il Sé, Alla ricerca di sé II , Parigi, Tavola rotonda, 1979
– Tu sei questo, alla ricerca del Sé IV , Parigi, tavola rotonda, 1979
– A Grain of Wisdom , Paris, The Round Table, 1983
– Per una morte impavida , Parigi, The Round Table, 1983
– Incontro con Arnaud e Denise Desjardins – Atti del colloquio del Karma-Ling Institute del 16, 17, 18 luglio 1984 , Prajna
– Per una vita di successo, un amore di successo , Parigi, The Round Table, 1985
– Watermark Vol. 1 – Interviste con Arnaud Desjardins e Christian Charrière , Argel, 1986
– The Baladin and Wisdom (con Jean-Pierre Calvet) , Paris, The Round Table
– La via del cuore , Parigi, tavola rotonda, 1987
– The Audacity of Living , Paris, The Round Table, 1989
– Approccio alla meditazione , Parigi, The Round Table, 1989
– Leggendo i Vangeli (con Véronique Loiseleur) , Parigi, La Table ronde, 1990
– The Way and its Traps , Paris, The Round Table, 1992
– Impersonal Confidences (Interviste con Gilles Farcet) , Paris, Critérion, 1991; Reed. Albin Michel, 1994
– Zen and Vedanta , Paris, The Round Table, 1995
– Dialogo bidirezionale (con Lama Denis Teundroup) , Parigi, The Round Table, 1995
– The Spiritual Friend (con Véronique Loiseleur) , Paris, The Round Table, 1996
– Sages on a Mad World (Interviste con Gilles Farcet) , Paris, The Round Table, 1997
– Arnaud Desjardins – Testi raccolti da Marc de Smedt , domanda n o  111, Albin Michel, 1998
– La conversione intima , Alice, 2000
– Arnaud Desjardins in Quebec , Montreal, Stanke, 2002
– Back to the Essential , Parigi, The Round Table, 2002
– Trasmissione spirituale – Testi raccolti da Yvan Amar , Du Relié, 2003
– Le formule di Swami Prajnanpad – Revisione di Arnaud Desjardins , The Round Table, 2003
– Primi passi verso la saggezza Collection Spiritualità Librio- n o  661, Librio 2004
– Benvenuti in Cammino , Parigi, The Round Table, 2005
– Lettere a un giovane discepolo , Parigi, The Round Table, 2006
– Spiritualità. Cos’è? (con Emmanuel Desjardins), Parigi, The Round Table, 2009
– Attraversando l’altra riva (con Veronique Desjardins), Parigi, Accarias / L’Originel, 2010
– Sì, ognuno di noi può trasformare (con Jean-Louis Cianni), Parigi, Albin Michel, 2010
– Peace Always Present , Paris, The Round Table, 2011

FONTE: https://fr.wikipedia.org/wiki/Arnaud_Desjardins

* * *

* TORNA ALLA FOTOGALLERY *
* VAI AI LIBRI *