* DENNIS H. BRADLEY *

(1877 – 1934)

* * *

 DENNIS H. BRADLEY BIOGRAFIA

Commediografo, romanziere e industriale inglese. Nel 1922, recatosi in America per affari, fu ospite dell’amico Joseph De Wyckoff, il quale gli propose di prendere parte a una delle sedute spiritiche che teneva ogni tanto. I fenomeni a cui assistette durante quella seduta (16 giugno) e quella del giorno successivo furono tali da fare di lui un convinto spiritista e un appassionato sperimentatore.

Da medium fungeva il medium americano Valiantine, famoso per le manifestazioni di voce diretta che otteneva. La prima sera si manifestò l’entità, sconosciuta ai presenti, del reverendo dott. Joseph Krauskopf, di Filadelfia, il quale, per voce diretta, pregò i presenti di portare ai suoi amici un messaggio: “Lo spirito sopravvive alla cremazione”. Fu accertato che il Krauskopf era morto sei giorni prima, che era stato cremato e che i suoi amici si erano domandati più volte se la cremazione fosse lecita.

La seconda sera i presenti poterono ascoltare un dialogo, in dialetto basco, tra la cuoca del De Wyckoff, che era stata pregata di intervenire per aumentare il numero degli assistenti, e il suo defunto marito. “Apparentemente”, scrive il Bradley, “né l’uno né l’altro coniuge si stupiva del loro incontro supernaturale. Queste due anime semplici che si erano amate e che, probabilmente, non avevano mai discusso sulla possibilità di un aldilà, ora l’accettavano come cosa assolutamente normale”.

Ma particolare importanza ebbe, per lo scrittore, la manifestazione di sua sorella Annie, morta dieci anni prima, con la quale poté tenere un lungo e affettuoso colloquio. Tra le altre personalità che si presentarono per voce diretta in queste sedute vi è quella di Cristo D’angelo, un pastore siciliano che parlava in italiano e in siciliano e che si sarebbe ripresentato in numerose altre sedute, in Inghilterra e in Italia.

Tornato in Inghilterra, il Bradley tenne sedute con la famosa medium Gladys Leonard Osborne, che operava per automatismo parlante, e mediante essa poté comunicare con il suo amico Warren Clarke, parente di sua moglie, defunto da pochi mesi: il Clarke, insieme ad Annie, divenne presto un’entità familiare nelle sedute del Bradley. Ormai interessatissimo ai fenomeni, fece venire in Inghilterra, a sue spese, il Valiantine e, con lui, la Leonard e altri medium, tenne una numerosa serie di esperienze a cui intervennero personalità come Sir Arthur Conan Doyle e Guglielmo Marconi, il quale poté parlare a lungo con una entità che si esprimeva in voce diretta. “Seguì”, scrive il Bradley a questo proposito, “un dialogo in italiano che non potei capire ignorando questa lingua: la voce non era chiara, ma il senatore mantenne viva la conversazione per una decina di minuti. Ci informò poi che la voce affermava di essere suo padre, ma non riuscì a ottenere prove sufficienti a stabilirne l’identità”. In un’altra seduta la contessa Tyong Oeitiongham, cinese, parlò nella sua lingua con suo padre, affermando poi che l’entità si era servita di due diversi dialetti cinesi mischiati insieme: l’uno era quello con cui il padre le parlava quando era bambina, l’altro quello che usava quando lei era più grandicella.

Di tutte queste sedute il Bradley lasciò resoconti particolareggiati in tre notissimi libri:

“Verso le stelle”,1924;
“La saggezza degli dei”, 1925;
“E dopo”, 1931.

Le sedute da lui tenute rimangono fra le più importanti degli anni venti e Bradley fece un resoconto dettagliato della medianità a voce diretta di George Valiantine. Coloro che leggono “Verso le Stelle” ed il suo libro successivo, che racconta una lunga serie di sessioni a Kingston Valley, può farsi un’idea del fatto che nessuna altra spiegazione giustifica la medianità di Valiantine, a meno che lo stesso non possegga, in effetti, poteri psichici eccezionali.

Bradley morì il 20 novembre 1934 ed è sepolto nel cimitero di Holywell a Oxford.

Fonte: https://vitadopovita.jimdo.com/autori/bradley-h-dennis/

* * *

* TORNA ALLA FOTOGALLERY *
* VAI AI SUOI LIBRI *
* VAI ALL’INDICE GENERALE LIBRI *

“DISCLAIMER”

Questo sito non ha “assolutamente nessun fine di lucro”, ma vuole solo offrire occasioni di studio a chi è interessato. Tutto il materiale presente in questa
sezione è copyright dei rispettivi autori ed è stato prelevato da Internet e ritenuto quindi di pubblico dominio. Nel caso in cui ne deteniate i diritti, segnalatelo nella
sezione “Contatti”; saremo lieti di pubblicarne gli autori e la fonte da cui è stato tratto o, se richiesto, di cancellarne “immediatamente” il contenuto.

This is absolutely a “non-profit-making website”, its aim is only to offer cues for studying to whoever may be interested. All the material in this
section is copyrighted by its respective authors and has been taken from the web and is therefore considered public domain. If you hold the rights for any of the material,
please notify us in the “Contacts” section, we will be happy to publish the authors and the sources or, if requested, we will “immediately” remove the content.

* * *